12 dicembre 2007

V° Influsso - Il Vuoto

Questo Influsso sarà ancora una poesia. Capiterà spesso di trovarne una dopo un Intermezzo, mi placa l'animo e mi risolleva. Ed è un modo anche per scusarmi con me stesso e con gli altri dei toni a volte troppo diretti che utilizzo. Forse sono solo mie paranoie, ma li reputerei più ragionamenti. Anche perché basta la poesia per far terminare ogni paranoia. Questa poesia racconta un senso di vuoto, di carenza di volontà, che a volte sento intorno a me. In questo nostro paese che si sta sfasciando, con questa carenza di equilibrio e di degni punti di riferimento, a volte senso una certa oppressione interna nelle persone. Come un vuoto che mangia la volontà di vivere da dentro. E questo è ovviamente un male. Non voglio comunque, come dice la poesia, imporre la mia visione agli altri. Questo è ciò che io sento ed è principalmente per me, come tutti gli altri Influssi. Se poi tale visione è condivisa, sono contento. Vuol dire che non sono pazzo.
Il Vuoto Nell'altrui è il Vuoto. S'insinua in improprio corpo come virus, cieca piaga che divora carne viva. La percepisco fin d'ora sotto la sua pelle: scivola come serpe, fin troppo libera di librarsi in lottato volo. L'altrui rimane solo. Ciò sento. Rimane mio unico tormento. Sentimento che non impongo: neanche ci penso. Senza dubbio le parole mie presero senso crudo e diretto. Ma dico, e non mento, che parlai per me dell'altrui immenso vuoto. Nell'altrui. Il Vuoto che mancai nell'altro e percepii quasi come mio. Perciò parlo. Tu giudica pure l'operato senza presenza di giudizio. Detta pure frasi squilibrate all'eterno infinito: aiuti il Vuoto. Manchi il palo che'l tuo occhio a preso a nolo per vedere il fuscello con cui a parer tuo mi dolo. Permane così nell'altrui e in te, il maledetto Vuoto. Umilmente, Spirito Giovane a.k.a. Daniele

5 commenti:

Federico Russo "Taotor" ha detto...

Bella. :D Da oggi, disponibile anche in rima. XD Bene! Bravo! Molto musicale.

Esmeralda ha detto...

Ciao Spirito Giovane!
Spero non ti dispiaccia se sono venuta a girovagare un po' sul tuo blog...
Complimenti! Hai talento.
"Tu sei quello che tu vuoi ma non sai quello che tu sei..."
Il collegamento con la canzone di Battiato è stato automatico! E, se ci pensi, ecco l'effetto del vuoto: ti svegli una mattina e non sai più chi sei...
Namarie!

Spirito Giovane ha detto...

L'unica cosa che posso dire è che il vuoto che sentivo non era il mio.
Era come se tangibile accanto a me ci fosse una presenza: il Vuoto negli altri.
Ma questa è un'altra storia o un'altra poesia.
Grazie a te, Esmeralda. E grazie anche a te Taotor per essere passato.
Grazie a quelli che passeranno...

Spirito Giovane a.k.a. Daniele

by Ax ha detto...

Comprendo quel che hai voluto comunicare e arrivo a condividerlo. L'ho provato e lo provo anche io quando, ogni tanto, mi risveglio in orbita. :)
Solo un pensiero mi ferma dal non mandare tutti al diavolo:
gli altri siamo sempre noi, da qualsiasi punto di vista li (e ci) si guardi.
Può capitare che ciò che si attribuisca agli altri non si sia in grado di vederlo in noi stessi; ci si racconta tante belle storie, a volte, per non considersi uguali agli altri.
Non è certo il tuo caso, anzi potrebbe essere benissimo il mio di qualche anno fa. Col tempo si impara a giudicare meno e a comprendere di più. La comprensione, per quanto possa sembrare banale, è uno strumento formidabile per migliorarsi e vedere il vuoto un pò più pieno.

Tutti abbiamo il diritto e il dovere di fare esperienze per comprendere la comprensione. :)

Alex.

Spirito Giovane ha detto...

Grazie per le tue parole ax, profonde come sempre.
Grazie per essere passato.

Dedicherò qualche altro Influsso al Vuoto e ai punti di vista...

Umilmente,
Spirito Giovane a.k.a. Daniele

 
Wordpress Theme by wpthemescreator .
Converted To Blogger Template by Anshul .